Cos’è la cellulite?

Di che ne dica una nota marca che vende cremine, la cellulite non è una malattia ma è un inestetismo. La cellulite estetica, da non confondere con la cellulite infettiva, è una condizione alterata del tessuto sottocutane, ricco di cellule adipose. Si trova sotto la pelle ed è caratterizzata da ipertrofia delle cellule adipose, dove, negli spazi intracellulari si accumulano liquidi (residui dei processi biochimici dell’organismo) in eccesso. L’equilibrio del sistema venoso e linfatico (la linfa è un liquido che raccoglie i materiali di scarto dell’organismo e scorre nei vasi linfatici) è modificato con un rallentamento del flusso sanguigno e una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti.

Quali sono le cause?

La risposta corretta, in questo caso, è molte e spesso si sommano tra loro. Prima di tutto bisogna dire che è causata da un’alterazione del microcircolo, poi bisogna prendere in considerazione i fattori che non sono causati da noi e quindi non sono eliminabili. Questi li definiamo primari (ad es. il sesso, la razza o la familiarità). Gli altri fattori che sono collegati all’andamento della nostra vita li definiamo secondari. Quest’ultimi sono  collegati a patologie particolari o all’assunzione di farmaci, Infine, esistono fattori aggravanti dovuti al nostro stile di vita che sicuramente potrebbero essere controllati adottando uno stile di vita diverso (ad es. cattiva alimentazione o sedentarietà).

 

Tra tutti la vita sedentaria è la prima responsabile. Per avere meno problemi di cellulite bisogna essere sempre in movimento, il moto infatti aiuta a mantenere efficiente muscolatura, circolazione e metabolismo aiutando a bruciare i grassi e a prevenire la stasi circolatoria.

Al secondo posto troviamo sicuramente un’alimentazione sbagliata, cioè troppo piena di calorie e di cibi ricchi di grassi di sale e un eccesso di proteine di origine animale, che causa un accumulo di adipe localizzato e ritenzione dei liquidi.

Al terzo posto troviamo la cattiva circolazione che viene ad essere peggiorata da fattori come la postura sbagliata e con gambe accavallate, troppo tempo in piedi immobili, l’abbigliamento troppo stretto, scarpe troppo strette o con tacco troppo alto, stress e fumo.  Il fumo ha un’azione vasocostrittrice e aumenta i radicali liberi che peggiorano il microcircolo e aiutano ad accelerare l’invecchiamento cutaneo.

Cosa si può fare per prevenirne la formazione?

La prima cosa è fare sport ed eliminare fumo ed alcool. Il secondo passo è seguire una alimentazione sana che porti al miglioramento del microcircolo. Sarebbe bene limitare le proteine di origine animale e il sale e prediligere verdure, meglio se crude, e frutta. Sfatiamo un mito che ha fatto la fortuna di un venditore di tisane: una alimentazione iperproteica fa inizialmente perdere peso ma causa un danno al microcircolo ed è per questo che finito di mangiare barrette si recupera velocemente peso dato dal ristagno di liquidi. Seppur minimo, però, un apporto di proteine è fondamentale per mantenere la muscolatura è la tonicità della pelle.

A tutto ciò possiamo aggiungere integratori che migliorino le parete venose. L’ideale sarebbe un integratore in monosomministrazione che contenga centella, bromelina, ippocastano e ginko. Il caffè verde se non titolato e non associato ad altri principi attivi è praticamente inutile. I flavonoidi devono essere ad alto titolo poiché il loro potere è limitato e quindi prima di acquistare assicuratevi che vi siano almeno 500mg di principio attivo in ogni somministrazione consigliata.

Pregandovi di non fare diete monotematiche nei 15 giorni prima di andare al mare, vi ricordo che è sempre importate bere almeno 2 litri di acqua al giorno e vi auguro buone vacanze.

Richiedi maggiori informazioni

* dati obbligatori